Nullo il licenziamento della dipendente che tace sulla maternità al momento dell’assunzione

03 luglio 2015

La Corte di Cassazione ha affermato la nullità del licenziamento per giusta causa della lavoratrice a tempo determinato che al momento dell’assunzione non informa il datore di lavoro di essere incinta. Nella Sentenza n. 13692 pubblicata il 3 luglio 2015, i giudici della Corte Suprema hanno precisato che non sussiste un obbligo di informazione in tal senso, in quanto pregiudicherebbe la tutela delle lavoratrici madri e sarebbe contrario al principio di parità di trattamento previsto dalle norme comunitarie. Al datore non resta che risarcire il danno alla lavoratrice e corrisponderle le retribuzioni che avrebbe maturato sino al compimento dell’anno di età del bambino.

Archivio news

 

News dello studio

lug23

23/07/2015

Licenziato il dipendente che accetta regali di valore dai clienti

Con Sentenza n. 21619 del 23 luglio 2015, la Corte di Cassazione interviene in merito alla responsabilità del mancato versamento di ritenute previdenziali da parte di coloro i quali a suo tempo

lug22

22/07/2015

Omesso versamento escluso se dimostrata l’assoluta impossibilità di adempiere al debito

L’imprenditore / manager che durante la crisi non paga le ritenute previdenziali ma prima dell’accertamento si dimezza il compenso, presta fideiussioni a garanzia del debito e chiede al fisco

lug20

20/07/2015

Cambio appalto e agevolazioni contributive per nuove assunzioni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in risposta ad un quesito avanzato da Confapi, con l’Interpello n. 20 del 20 luglio 2015 , ha fornito chiarimenti in merito alla concessione dei

News

gen16

16/01/2021

Sul vaccino per i lavoratori contro il Covid-19 si applichi la legge!

Devono essere valutati tutti i rischi

gen15

15/01/2021

Invalidità ciechi: nuova funzionalità del procedimento di revisione

Nel messaggio n. 138 del 2021, l’INPS

gen15

15/01/2021

Indennità una tantum Covid-19: come gestire il riesame delle domande rigettate

L’INPS, con il messaggio n. 143 del 2021,