Licenziato il dipendente che accetta regali di valore dai clienti

23 luglio 2015

Con Sentenza n. 21619 del 23 luglio 2015, la Corte di Cassazione interviene in merito alla responsabilità del mancato versamento di ritenute previdenziali da parte di coloro i quali a suo tempo risultavano amministratori o soci. In particolare la Suprema Corte precisa che in caso di mancato pagamento, l’ arresto scatta anche per coloro i quali, amministratori o soci all’epoca dei fatti, non ricoprono più dette cariche al momento della contestazione del reato. Tale disposizione, precisa la Corte, va attuata anche se gli ex soci o amministratori, non potendo più disporre del patrimonio aziendale, dovranno versare detta contribuzione attingendo al patrimonio personale.

Archivio news

 

News dello studio

lug23

23/07/2015

Licenziato il dipendente che accetta regali di valore dai clienti

Con Sentenza n. 21619 del 23 luglio 2015, la Corte di Cassazione interviene in merito alla responsabilità del mancato versamento di ritenute previdenziali da parte di coloro i quali a suo tempo

lug22

22/07/2015

Omesso versamento escluso se dimostrata l’assoluta impossibilità di adempiere al debito

L’imprenditore / manager che durante la crisi non paga le ritenute previdenziali ma prima dell’accertamento si dimezza il compenso, presta fideiussioni a garanzia del debito e chiede al fisco

lug20

20/07/2015

Cambio appalto e agevolazioni contributive per nuove assunzioni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in risposta ad un quesito avanzato da Confapi, con l’Interpello n. 20 del 20 luglio 2015 , ha fornito chiarimenti in merito alla concessione dei

News

dic13

13/12/2019

Attività stagionale: contribuzione aggiuntiva non dovuta... ma solo a Bolzano

La contribuzione maggiorata (1,40% per

dic12

12/12/2019

Domanda di lavoro delle imprese in calo a dicembre 2019

Con l’ultimo bollettino Excelsior relativo

dic12

12/12/2019

Pensioni rivalutate per il 2020

Con la circolare n. 147 del 2019, l’INPS