Licenziato il dipendente per violazione dell’obbligo di fedeltà

09 luglio 2015

In tema di licenziamento, la Corte di Cassazione ha statuito la piena legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti del dipendente che tradisce il datore di lavoro con una società che opera nel medesimo settore, in quanto risulta violato l’obbligo di fedeltà, che impone al lavoratore di tenere una condotta leale verso il proprio datore, astenendosi da qualsiasi atto idoneo a nuocergli. Con la Sentenza n. 14304 del 9 luglio 2015 si sottolinea che ai fini della violazione di tale obbligo è sufficiente la mera preordinazione di un’attività contraria agli interessi dell’azienda, che può anche solo potenzialmente causare un danno alla stessa.

Archivio news

 

News dello studio

lug23

23/07/2015

Licenziato il dipendente che accetta regali di valore dai clienti

Con Sentenza n. 21619 del 23 luglio 2015, la Corte di Cassazione interviene in merito alla responsabilità del mancato versamento di ritenute previdenziali da parte di coloro i quali a suo tempo

lug22

22/07/2015

Omesso versamento escluso se dimostrata l’assoluta impossibilità di adempiere al debito

L’imprenditore / manager che durante la crisi non paga le ritenute previdenziali ma prima dell’accertamento si dimezza il compenso, presta fideiussioni a garanzia del debito e chiede al fisco

lug20

20/07/2015

Cambio appalto e agevolazioni contributive per nuove assunzioni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in risposta ad un quesito avanzato da Confapi, con l’Interpello n. 20 del 20 luglio 2015 , ha fornito chiarimenti in merito alla concessione dei

News

gen16

16/01/2021

Sul vaccino per i lavoratori contro il Covid-19 si applichi la legge!

Devono essere valutati tutti i rischi

gen15

15/01/2021

Invalidità ciechi: nuova funzionalità del procedimento di revisione

Nel messaggio n. 138 del 2021, l’INPS

gen15

15/01/2021

Indennità una tantum Covid-19: come gestire il riesame delle domande rigettate

L’INPS, con il messaggio n. 143 del 2021,