Congedo parentale e Jobs Act: circolare INPS

17 luglio 2015

L’INPS, con la Circolare n. 139 del 17 luglio 2015, interviene per fornire indicazioni riguardo il prolungamento del periodo di fruizione e di indennizzabilità del congedo parentale introdotto con l’approvazione del D.Lgs n. 80/2015 (c.d. Jobs Act). Ai sensi dell’articolo 32 del D.Lgs n. 151/2001 come modificato dal Jobs Act ai genitori lavoratori o lavoratrici dipendenti è consentito di fruire dei periodi di congedo parentale residuo fino a 12 anni di vita del figlio oppure fino ai 12 anni dall’ingresso in famiglia del minore adottato o affidato. Per quanto riguarda il trattamento economico è prevista l’estensione da 3 a 6 anni di vita/ingresso in famiglia della possibilità di fruire del congedo parentale indennizzato a prescindere dalle condizioni di reddito.L’INPS precisa che le predette misure sono applicabili per i periodi di congedo fruiti dal 25 giugno 2015 al 31 dicembre 2015.

Archivio news

 

News dello studio

lug23

23/07/2015

Licenziato il dipendente che accetta regali di valore dai clienti

Con Sentenza n. 21619 del 23 luglio 2015, la Corte di Cassazione interviene in merito alla responsabilità del mancato versamento di ritenute previdenziali da parte di coloro i quali a suo tempo

lug22

22/07/2015

Omesso versamento escluso se dimostrata l’assoluta impossibilità di adempiere al debito

L’imprenditore / manager che durante la crisi non paga le ritenute previdenziali ma prima dell’accertamento si dimezza il compenso, presta fideiussioni a garanzia del debito e chiede al fisco

lug20

20/07/2015

Cambio appalto e agevolazioni contributive per nuove assunzioni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in risposta ad un quesito avanzato da Confapi, con l’Interpello n. 20 del 20 luglio 2015 , ha fornito chiarimenti in merito alla concessione dei

News

lug1

01/07/2020

Covid-19: servizio online per la richiesta di sorveglianza sanitaria

E’ disponibile dall’1 luglio 2020 la nuova